Argini e sponde

Opere di difesa contro il dissesto idrogeologico
La prevenzione dei rischi connessi al dissesto idrogeologico passa anche attraverso il mantenimento dell’efficienza di opere come argini e sponde, che vanno adeguatamente protette da possibili danni causati dall’erosione della corrente. Spesso, a seguito del passaggio di eventi di piena rilevanti, può essere necessario attuare una serie di interventi volti al ripristino o al miglioramento delle opere di difesa del territorio, specialmente nelle aree soggette a maggiore criticità.

In alcuni contesti è opportuno avere anche un occhio di riguardo all’aspetto naturalistico dell’intervento, utilizzando delle soluzioni a basso impatto ambientale/paesaggistico. La creazione di un rinforzo alla base degli argini, il ripristino temporaneo di porzioni di sponda collassate, oppure la protezione strutture in alveo come le pile dei ponti, possono essere realizzati con i FILTER UNIT, dei gabbioni flessibili realizzati in materiale polimerico e riempiti di pietrame, che si adattano facilmente alla morfologia del terreno e hanno una buona durabilità nel tempo.

Rinforzo di banchine portuali e canali artificiali
In alcune situazioni dove l’erosione è più spinta, come nei canali artificiali o nelle banchine portuali (a causa della rotazione delle eliche dei natanti), si deve ricorrere ad una protezione maggiormente robusta, come quella fornita dai SINTEXMATTRESS. Si tratta di casseri tessili che vengono riempiti di miscele cementizie e posizionati, con opportuni ancoraggi, lungo le sponde o le banchine, formando una barriera protettiva dello spessore di qualche decina di centimetri.

Controllo dell’erosione superficiale
Le superfici inclinate di argini o rilevati in terra sono soggette all’azione di dilavamento degli agenti atmosferici, che ne può compromettere l’integrità. Il metodo più immediato per prevenire l’azione erosiva è quello di rinverdire il pendio, in modo tale che le radici dell’erba trattengano le particelle di terreno. Tuttavia, soprattutto nelle prime fasi di vita dell’opera quando la vegetazione deve ancora svilupparsi, può essere opportuno fornire una protezione adeguata al terreno, che ne limiti subito il dilavamento e favorisca l’attecchimento dell’erba. GEOSINTEX propone a tale scopo diverse soluzioni che vanno dalle geostuoie SINTEXMAT a prodotti biodegradabili come JUTENET o STRAWMAT.